Prima mezza maratona di Borgomanero

Ciao cinghiali! Forse non tutti voi saperete che quest’anno per la prima volta  Borgomanero avrà la sua mezza maratona! La gara, il  primo TROFEO CARLO POLETTI, sicorrerà il 10 aprile, la distanza da coprire sarà (ovviamente) 21,097  km e si svolgerà su circuito stradale e si tratterà di 2 giri di un anello pianeggiante; sarà anche possbile iscriversi ad una gara non competitiva di soli 10 km. L’organizzazione è in mano alla collaudatissima ASD Circuito Running e al fidato Stefano Luciani, il costo della manifestazione è 20 euro per la maratona, non so se il costo del circuito ridotto è inferiore Maggiori informazioni e tutto il materiale necessario per l’iscrizione a questo indirizzo . Io salvo cambio di programmi (una proposta su sterrato batte sempre l’asfalto 😀 ) credo propio di andarci, se qualcuno si vuole unire mi faccia sapere!...

Master XC a Egro

Appuntamento numero 4 per il master sport&sport di mtb in quel di Egro,piccola frazione del comune di Cesara della provincia del Verbano Cusio Ossola. Questo cross country organizzato ottimamente dall’Iride cycling team di Omegna ha sostituito per quest’anno la Gran Fondo del Lago d’Orta,che personalmente indico come una delle più belle manifestazioni a cui ho partecipato in questi anni,sia come percorso che come evento in generale. Ma veniamo a domenica! Il tracciato di 7.5 km circa da ripetere 3 volte per un dislivello a giro di circa 220 metri,si snoda proprio su alcune delle parti di percorso più belle della sopracitata GF. La salita del Camosino con a seguire una delle più belle discese del master “la faggeta”,la salita dei pratoni e infine la “salita del ciotolato” un vero must per chi ha partecipato alla Gran fondo degli ultimi anni! La partenza personalmente non è stata delle migliori…anzi…però mi sono ripreso in fretta e sui primi strappi del Camosino ho iniziato a pedalare bene recuperando qualche posizione,ma sono purtroppo stato frenato un pò nel single track della faggeta da atleti che non conoscevano bene il percorso.Ripreso il ritmo giusto,dopo l’unico tratto fangoso del tracciato da fare a piedi,ho affrontato gli strappi dei pratoni con decisione e dopo alcuni tratti in discesa e ancora qualche strappetto,mi sono trovato per la prima volta davanti al ciottolato che con una pendenza tra il 10 e il 14 per cento mi ha riportato nei pressi di Egro. Il tempo al primo giro è stato alto un pò per il traffico e un pò perchè mi è caduta la catena un paio di volte,quindi...

Convenzione Wildpigs con bike shop Gd-store.it!

Avete bisogno di accessori per la vostra bike o di abbigliamento tecnico ai fantastici prezzi che solitamente si trovano online ma con consegna diretta dei prodotti senza spese di spedizioni aggiuntive? Noi Wildpigs vi abbiamo trovato la soluzione anche per questo Gianluca di Gd-Store è infatti con grande piacere entrato nel gruppo wildpigs con tutta la sua passione di biker, proponendoci sconti dedicati su tutti i prodotti venduti sul suo fornitissimo web site. L’abbiamo scelto anche perchè è un wildpigs come noi sia nello spirito che nella localizzazione geografica 🙂 è disponibile e cordiale per qualsiasi cosa e vi capiterà spesso di trovarlo in giro con la sua MTB sui sentieri del Parco del Fenera. Ecco qui gli sconti a noi dedicati: Cari Wildpigs è con grande piacere che sono a proporvi delle condizioni particolari su tutti i miei prodotti come di seguito indicato: –         8% dal prezzo di vendita su : componenti, abbigliamento, accessori, protezioni; –         8% dal prezzo di listino per MTB complete e TELAI; –         8% dal prezzo di vendita su : ammortizzatori e reggisella telescopici DNM; –         3% dal prezzo di vendita su : ammortizzatori e forcelle (rock shox, fox, marzocchi ), kit freni completi; La convenzione è valevole per  ordini superiori a 100 euro e non cumulabile con altre offerte periodiche proposte. Vi ricordo infine che gli acquisti Wildpigs saranno evasi unicamente tramite ordini telefonici, facebook o via mail e non tramite il sito, ovviamente per tutti quelli che abitano in zona la consegna avverrà a mano così avrò modo anche di conoscervi!. Insomma cari cinghialotti sono a vostra disposizione telefonicamento al 331-9500920 oppure via...

A spasso ai Lagoni di Mercurago

Il Parco dei Lagoni di Mercurago fu istituito nel 1980, per iniziativa popolare, con il preciso intento di proteggere le colline moreniche del Lago Maggiore. La storia del territorio protetto è però ben più antica, come testimonia la scoperta di insediamenti risalenti all’età del bronzo e di alcune domus romane. (fonte) Sempre cercando di segnalare posti fruibili a tutti, quest’oggi vorrei parlare di Lagoni dei Mercurago; si trova pochi minuti dalla nostra Borgomanero, tocca diversi comuni da Oleggio Castello, Mercurago, Comignago ed è accessibile da diverse entrate principali e altrettante stradine. Sabato mattina ci ho portato Lisa! I sentieri sono tutti sterrati ma puliti e tenuti con cura; questa stagione forse è la migliore perché la zona è paludosa e d’estate ci sono un sacco di zanzare. Tante sono le stradine e viuzze che si affacciano sulle vie principali come sono tante anche le aree di sosta dove, sulle panchine ben tenute è possibile tirare un pò il fiato. Il parco dei Lagoni è anche un percorso podistico, infatti si svolge la mezza maratona ed è facile incontrare sempre gente di corsa, come infatti abbiamo avuto modo di constatare noi stessi. Ma torniamo a noi: siamo entrati dall’accesso di Oleggio Castello e ben presto, cartina fotografata alla mano, ci siamo trovati a scegliere tra diversi bivi che ci hanno portato da prima a visitare il laghetto più grosso nei cui pressi c’è anche una bacheca che illustra ai visitatori i ritrovamenti archeologici. Successivamente ci siamo spostati lungo il sentiero 11 cercando di raggiungere Comignago. In quest’area i sentieri sono già più disconnessi e il porcello setoloso mi porta cercare...

Turismo “lento”, benefici e considerazioni…

Ciao cinghialotti, sono reduce da una uscita lunga su strada. La meta è stata Alagna (per chi non fosse della zona si tratta di un paese in montagna a 75 km da dove risiedo), una citta che per motivi di escursionsmo a piedi e sci frequento spesso, ma che non avevo mai raggiunto in bici. Questa “gita del sabato” mi ha fatto ripensare a qualcosa che gia avevo valutato con Cristina durante la nostra prima esperienza cicloturistica di questa estate. Gia con l’attraversamento della Finlandia, e in previsione di un prossimo viaggio, ci siamo trovati spesso a considerare quanto il “visitare” un posto in bicicletta cambi fortemente le sensazioni. Andare in un posto in macchina, permette probabilmente di visitare più posti, vedere più luoghi.Però è appunto un vedere. Il cicloturismo, ma anche semplicemente il raggiungimento di un luogo in bici, permette di viverlo un posto. Mai mi ero accorto di molti tratti paesaggistimanete fantastici per arrivare ad Alagna. Mai avevo notato determinate costruzioni, determinati rivoli d’acqua e tante altre bellezze. Mai avevo notato la vita di alcuni piccoli paesi che si attraversano per giungere alla meta. E mai ho aprezzato tanto l’arrivo alla meta. Anche questa estate, l’arrivo a destinazione (Helsinki) era stata vista si come una conquista, ma gia dal giorno dopo ci ha lasciato un senso di vuoto. L’essere arrivati, ha portato molta soddisfazione, ma allo stesso tempo ci ha fatto sentire legati. Il viaggio è stata la vera esperienza. Ci siamo accorti di come è cambiato il paesaggio da nord a sud, di come sono cambiati i rapporti con le persone man mano che le città...