Wind, bad Idea!

Oggi ho voglia di esplorare nuove salite in Monferrato, preparo il navigatore ed esco in direzione Casale Monferrato facendo tutti i “paeselli”, Prarolo, Pezzana, Caresana, Villanova Monf. e Casale, attacco la mitica salita Sant’Anna per poi dirigermi verso S.Giorgio.   Bellissima giornata, 12° e un bel cielo azzurro, tutto sommato abbastanza limpido. Mi dirigo verso Rosignano per proseguire verso Cella Monte, bellissimi paesaggi e belle salite, poi il mio navigatore va in crisi, mi perdo per ben 2 volte, risalgo una collina per ben 2 volte e poi spinto dal mio senso di orientamento devoto allo sterrato imbuco una stretta via… Finisce anche questa, chissenefrega, proseguo su terra e sassi anche con la bici da corsa, e poco meno di un km sono di nuovo su asfalto, per fortuna. Da qui proseguo verso Quarti di Pontestura e Pontestura, guardo il M.te Rosa e vedo un cielo troppo terso, quelle nuvole taglienti e assottigliate che coprono la parte superiore del M.te Rosa mi fanno presagire che ci sarà vento, forte vento… Infatti! Invece di metterci 25 minuti da Trino a Vercelli ce ne metto ben oltre i 40′, con punte a 18 km orari avevo voglia di scendere dalla bici e buttarla in un fosso! Infine sono arrivato a casa un po’ storto, rattrappito, con 90 km e circa 900 mt in 3h 50′ (infinite), la pianura già mi fa venire il voltastomaco, con il vento preferirei prendermi a calci in testa alla jakass, per non parlare del mio navigatore che sicuramente ha bisogno di un aggiornamento! ;-P Traccia GPS da non seguire!!! Rosignano  ...

CIrcuito dei parchi 2013

Buongiorno amici cinghiali! Ne avevamo parlato già tempo fa, ne riparliamo per l’edizione 2013! Di cosa si tratta? Ecco il comunicato degli organizzatori L’idea di creare il Circuito è venuta a quattro società che avevano lo stesso scopo ”ORGANIZZARE MANIFESTAZIONI MTB APERTE e LIBERE A TUTTI”, allo stesso tempo valorizzare anche lo spirito di gruppo. Si sono messe assieme e hanno creato il “Circuito dei Parchi” anche per valorizzare i luoghi percorsi.   Siamo alla 7^ edizione, le società organizzatrici sono cresciute, i partecipanti anche,   si è accresciuto l’interesse per questa formula dove ognuno si mette in gioco, valutando le proprie possibilità, ma nel contesto aiuta i propri compagni ad incrementare il punteggio finale.   Le manifestazioni sono omogenee, rispecchiano lo spirito di pedalare in allegria in luoghi incontaminati e chiusi al traffico, inoltre gli organizzatori propongono ogni anno soluzioni nuove. Per l’edizione 2013,  12 le manifestazioni, da Marzo a Settembre, località nuove, percorsi modificati,  rimangono le serali e bellissimi premi finali a sorteggio.   Con questa chiediamo, a Voi di partecipare numerosi, leggendo il regolamento potrete valutare lo spirito d’aggregazione. Devo affermare che ogni percorso ha il suo fascino, da elogiare la professionalità di tutti gli organizzatori che hanno lavorato per permettere a tutti di pedalare in sicurezza.   La formula è di premiare la partecipazione e rinforzare lo spirito d’amicizia tra i diversi gruppi, nell’ultima edizione abbiamo avuto l’adesione in media di 347 atleti per manifestazione Si ringraziano tutti coloro, che nelle scorse edizioni, hanno lavorato per la realizzazione, tutti i biker che hanno gareggiato per la vittoria e quelli che hanno gareggiato per mettersi alla prova,...
Anna Mei

Anna Mei

Siccome non sono uno scrittore, neanche mediocre, riproduco qui pari-pari i messaggi che sono intercorsi fra me e Anna Mei, grandissima campionessa iridata! Manuel: “Ciao Anna, vedo che la sfortuna ti perseguita, ma so che sei una che non molla mai, ti posso solo augurare una pronta guarigione con la speranza che le cose tornino a girare nel verso giusto!
Volevo chiederti, siccome “scrivacchio” per un sito mi piacerebbe scrivere due righe su qualche tua impresa, che ne pensi? Anna: “bel pensiero, grazie!!! Sono una persona facile da capire, così alla luce del sole, anche su uno strumento terribile come faccia libro…” Manuel:”racconta pure quello che vuoi a “ruota libera” 😀 , carta bianca! Anche le previsioni per il futuro, la RAAM è rimasta in sospeso? Anna:”eccomi qui, a ruota libera, provo… Anno 2012:un anno difficile, ma che trova nelle sue difficoltà il vero valore.Inizia con un incidente, un brutto incidente..fratture di clavicola e vertebre, lussazione mandibolare, tanti punti in bocca, denti rotti, distorsione cervicale, perforazione timpanica con danni che speriamo non saranno permanenti… Tutto salta e si ferma…non so se mai riuscirò a tornare in sella. Lotto come un leone contro dolore ed incertezza:potrò mai ancora pedalare??Posticipo il mio matrimonio, che da giungo passa a settembre, forse… La prima settimana di marzo sono convalescente ad Alassio, finalmente libera da collari cervicali, busti e quant’altro.Il viso è scavato e storto x la lussazione, il braccio sinistro inerte…Vado all’arrivo della Milano Sanremo, Cancellara battuto sullo sprint…e sento un brivido.
La mattina dopo provo.Salgo in sella impaurita da qualsiasi auto, mi butto sulla salita verso Testico ed il passo del Ginestro:dal giorno dell’incidente...
46×18 – La mia Granfondo Campagnola Roma 2012

46×18 – La mia Granfondo Campagnola Roma 2012

Amici cinghiali oggi torniamo a in compagnia dei ragazzi di apri gli occhi senza freni che abbiamo già incontrato alla Granfondo di New York e nel video documentario sull’ Islanda in fixed. Questa volta si  sono cimentati con la Granfondo di Roma sempre con bici a scatto fisso 46×18, c’era da chiederlo ? L’esperienza è sicuramente appagante, quindi vi lascio solo ad alcuni estratti:   Le griglie aprono alle 7.30 A.M. io e Giacomo siamo rispettivamente il numero 48 e 49…con questi pettorali potremmo sembrare dei veri ciclisti, peccato che le nostre fixed gear facciano capire agli altri partecipanti che siamo due matti!! […] Sono sverniciato da una marea di concorrenti che con i loro “50 x qualcosa” mi sorpassano senza problemi. E’ frustante! Non posso strapazzarmi, sento che non è giornata, 110 Km con la fissa sono sempre parecchi e mi spaventa la seconda salita. […] La prima salita è molto lunga, prendo confidenza con il percorso, supero la timidezza dei primi chilometri e inizio ad andare del mio. Sono soddisfatto non me la cavo così male. Una lunga discesa mi porta ai piedi di Rocca Priora, evito il rifornimento e mi getto subito sulla seconda ascesa. L’inizio è molto morbido, inaspettatamente sono costretto a fermarmi…che succede??? Lo gambe sono imballate dalla discesa e non riesco a spingere sui pedali, inizia un mortificante in sella, a piedi, in sella, a piedi. I crampi coronano la mia agonia…vista la stagione più che un ciclista sembro uno che raccoglie le castagne da terra. Grandi ragazzi! Io però vi invito a leggere tutto il racconto disponibile sul loro sito alla pagina dedicata alla Granfondo di...
Girls on bike

Girls on bike

Amici cinghiali vi segnalo questo bellissimo video dove belle donzelle si aggirano per le strade in bicicletta! L’attenzione dello spot verge sulla borsetta di Loeffle Randall ma ignorate pure questo dettaglio...