Bik(H)er Vs Erby

Bik(H)er Vs Erby

Amici cinghiali buongiorno. In realtà il titolo è sbagliato: non è stato sicuramente uno scontro tra me (Erby) e loro (le Bik(h)er), ma mi piaceva così e stop. Dunque, ci siamo conosciuti in quel di Finale alla 24h, hanno sostenuto la nostra campagna per #freemafi, e sono delle pazze scatenate. Potrebbe bastare, ma c’è di più. In sintesi è andata proprio così: io sono Erby (E), loro sono Gaia (G), Dani (D) e Federica (F), meglio note come Bik(h)er. E: Ciao Gaia! Ciao Dani! Ciao Fede! Siamo al bar…ok? Quindi: cosa ordinate? G: Io sono astemia, ve lo dico E: Non ci crede nessuno! D: cannolo e cappuccio!!! D: È mattina devo ancora fare colazione!!!! D: Giuro è vero… Non beve G: E sono anche vegetariana, una sfigata completa! G: Comunque vada per cornetto alla nutella ed estathe al limone E: Alla terza che scrivi, sei fuori dal gruppo! E: Partiamo dalla fine: cioè da finale. Alla 24 h per: vincere, partecipare, cazzeggiare E: Cosa vi è piaciuto (a parte noi)? Iscrizione come Bik(h)er: ovvero? Chi l’ha scelto? G: Io per partecipare, sono una pessima pedalatrice e sinceramente non amo questo tipo di percorsi. Era una sfida personale e un modo per far capire alle mie socie che quando facciamo le cose insieme, poco importano le preferenze personali. G: L’idea è stata della Fede, che ha partecipato lo scorso anno e ha voluto coinvolgere il gruppo per questa edizione D: Organizziamo cose per le altre ragazze ma poche cose per noi..!! Per stare insieme noi 3! D: Io avrei voluto fare più giri: il prossimo anno!! D: Come vedi (e...
[Update] Due chiacchiere con Signorina Grappolo (Alias Miss Grape!)

[Update] Due chiacchiere con Signorina Grappolo (Alias Miss Grape!)

Buongiorno amici carissimi. Magari vi sarete chiesti cosa significhi il titolo del post di oggi. Mo ve lo spiego. Siamo in un pub, davanti a due medie di birra. Chiacchiere tra due amici di vecchia data. E invece no: tutto avviene tramite smartphone e socialnetwork. Due amici “sociali” che si sono intravisti alla 24h di Finale Ligure. E uno dei due è curioso di sapere cosa faccia e come la pensi l’altro dei due sul mondo delle biciclette (le ciccione!), su di un tema in particolare che vedo spesso, sempre sui social. Quindi siamo io (Erby) che interrogo Michele Boschetti (Nure). Ci siamo già salutati. Ora chiedo: E: Bikepacking, termine italiano sinonimo di cicloturismo o qualcosa in più? O in meno? N: Alcuni dicono che il Bikepacking sia una costola del cicloturismo classico, lo considerano limitato perché si ha minore capacità di carico. Io credo invece che il Bikepacking sia anche cicloturismo, ma non solo. Abbatte molti e grossissimi limiti del cicloturismo classico: ad esempio il fatto che non pone limiti al tipo di bici da usare. Si pianifica un giro, si decide la bici ideale per farlo e via, le borse da bikepacking si adattano a qualsiasi bici. Quindi si spazia dal viaggio avventura al tour dolomitico fatto con bici da corsa ultra leggere. Trasformando qualsiasi bici in una bici da viaggio. Il bikepacking non pone limiti alle mete.   E: Miss Grape, ovvero : N: La signorina grappolo è mia figlia Viola. Io e mia moglie abbiamo scoperto che saremmo diventati genitori mentre stavamo vendemmiando nella vigna di famiglia. Gli amici ci hanno detto che abbiamo virtualmente...
Traversata del Vercellese, da Sud a Nord

Traversata del Vercellese, da Sud a Nord

L’idea di mettere assieme più itinerari mi balenava già per la testa da qualche mese, certo che sarebbe stata si una bella avventura ma altrettanto certo che sarebbe stata un’impresa ardua e tosta. Questo è uno dei periodi migliori per affrontare la montagna e così decido di attuare il piano tanto atteso, niente navigatore GPS perché non è presente fra le mie attrezzature, il 90% del tracciato è frutto di anni di tentativi e di “esperienza” fatta sul campo, la parte del Biellese e della Valsesia la conosco abbastanza bene come le mie tasche, mi mancava solo il tratto di trasferimento sulla pianura per agganciarmi al biellese sfruttando il più possibile le strade sterrate.   Partenza da Vercelli   Lungo il fiume Sesia Tutto è pronto, sono le sei del mattino ed è buio, luci montate e zaino in spalla, la città ancora dorme e io inizio a pedalare per portarmi sugli argini del fiume Sesia da dove inizierà questa interminabile e indimenticabile avventura, è buio pesto e questo tratto posso farlo ad occhi chiusi, solcato negli anni credo ormai migliaia di volte, la direzione è quella di Formigliana passando gli abitati di Quinto Vercellese e Collobiano, costeggiando il torrente Cervo, ovviamente tutto offroad!   Alba sulle risaie   Canale Cavour L’alba inizia ad illuminare la campagna circostante, ora l’abitato di Balocco per poi proseguire in direzione Villanova Biellese alle porte della riserva naturale delle Baragge, denominata la Savana Biellese, attraversarla all’alba da un tocco in più di wild, non ho solcato le varie piste che si addentravano e scavalcavano prima a destra e poi a sinistra continuamente la...
Intervista ad Alessio Vercelli

Intervista ad Alessio Vercelli

Buongiorno ragazzi, oggi vi proponiamo un’intervista fatta ad un nostro caro amico nonché un grande manico in bici, Vercelli Alessio. Quest’anno ha corso per il Team Locca di Borgosesia ed ha partecipato al circuito 360 enduro con ottimi risultati, si è piazzato 3° assoluto nella classifica generale e 1° di categoria (Elite sport) Ecco a voi l’intervista   1) Alessio da quando vai in mtb? ciao a tutti, Vado relativamente da poco, questa che si è conclusa è stata la mia terza stagione di gare in MTB 2) come è nata questa passione? E’ nata in modo strano e per puro caso. Nel 2009 durante un allenamento di motocross mi fratturo in modo scomposto tibia e perone, fortunatamente trovo un chirurgo ed un equipe in gamba che mi opera alla perfezione. Inizio dopo 2 anni e mezzo fermo e due interventi chirurgici un recupero della muscolatura con una vecchia Scott front dotata di potentissimi v-brake 🙂 In una delle mie prime uscite mi unisco ad un gruppetto che mi porta a fare il “CANALON” a pogno ed è subito amore a prima vista!!! Decido di prendere una FULL e di appoggiarmi al mitico team Locca dove ho avuto la fortuna di conoscere persone valide e alla mano.. quindi eccomi qua!! 3) quale è stata la gara più bella di quest’anno? il 2014 è stata una stagione da incorniciare in tutto e per tutto. .. sono state molte le gare belle ma sicuramente la migliore, soprattutto per il tifo e per il risultato, rimane Pogno!!! 4) con che bici hai corso questa stagione e con cosa correrai il prox anno?...
This is Cambridge

This is Cambridge

Non ditemi che questo prodotto non è cool this-is-cambridge.com, potremmo fare come Jeremy e Richard  di “Top Gear” sul loro wall a mettere “Cool” e “Uncool” per identificare se un’auto è ancora in auge e prestazionale! Questi cappellini lo sono eccome, very cool, con aria sicuramente londinese non posso mancare per completare l’abbigliamento di un ciclista che si vuole distinguere, già immagino sfrecciare le fixed per le strade londinesi, dagli odori dei food street multietnici che di buon mattino si respirano e invadono le sue strade metropolitane. Me lo sento già in testa, indossato sotto al casco mentre spingo sulle salite irte di una strada sterrata fra i boschi, il respiro affannato in un clima londinese tutto nebbia e umidità tipico della domenica mattina nella stagione autunnale dei nostri parchi piemontesi! Che aspettate a ordinarlo?!? Non potrete più farne a meno!   Il Grimpeur è costruito con un peso più leggero, ad alta traspirazione  con cotone spazzolato del Panache standard. Dal feedback dei clienti abbiamo saputo che alcune persone preferiscono indossare un cappello dal peso più leggero, soprattutto quando si indossa sotto il casco. La costruzione dei quattro pannelli che lo compongono è stata progettata e tagliata in modo da avvolgere e seguire i contorni della testa senza essere eccessivamente aderente.   Il cappellino dispone anche di una fascia tradizionale modisteria e dettagliata. La visiera ‘flipable’ leggermente più ampia è stata progettata con la funzione di fornire un’ulteriore protezione dagli elementi, e dà al cappellino un look distintivo. La parte inferiore della visiera viene stampata con una varietà di opzioni grafiche uniche, è molto accattivante graficamente quando la visiera è alzata verso l’alto. Come tutti i cappellini il Grimpeur è stato progettato per adattarsi...
Wildpigs si racconta a Santacruz!

Wildpigs si racconta a Santacruz!

Buongiorno cinghiali! Due ani fa abbiamo avuto il piacere di essere invitati, in occasione della settimana della mobilità sostenibile, di essere invitati dal nostro comune a presenziare sui corsi cittadini. L’invito, dopo una pausa di un anno, è arrivato anche quest’anno, ma noi nella giornata dei gazebi saremo a Padova fiera per visitarla sempre a modo nostro 🙂 Quest’anno però parteciperemo ad un’altro evento del quale siamo onorati: giovedì sera, presso il circolo Santa Cruz, Wildpigs si racconterà. Ci è stato chiesto di dire chi siamo, cosa facciamo, quali sono le nostre attività. Noi, da veri cinghiali non ci stiamo preparando. Vorremmo, anche in questo caso, farla a modo nostro e la location è la migliore: una bella chiacchierata da bar  tra amici, una cosa semplice come siamo noi, pronti a rispondere a tutte le domande che ci verranno fatte e pronti a raccontare la nostra passione. Speriamo di incontrarvi numerosi! Se vi va di partecipare, qui i dettagli dell’evento (che non ci vede come unici protagonisti). Ci vediamo...